Print Friendly Version of this pageStampa Get a PDF version of this webpagePDF

Giovedì

V settimana di Pasqua

Giovedì

Fino a San Francesco anche nella Chiesa Cattolica esisteva la sola forma di vita religiosa: quella monastica. San Francesco ottenne che fosse riconosciuta come vita evangelica, anche quella di discepoli di Cristo che vivendo le virtù evangeliche continuavano a vivere nel mondo per annunciare il Vangelo.

Nacquero così i frati. Le monache dovettero aspettare ancora diversi secoli prima che fosse riconosciuta una vita consacrata nel mondo.
Essere frate, essere suora, essere religioso significa vivere la vita di discepolo di Cristo impegnato nell'opera di evangelizzazione. Questo può avvenire attraverso la scuola, l'assistenza ai malati e anche il lavoro con alla gente.
L'obiezione che comunemente si rivolge ai religiosi è circa il loro stato e il loro lavoro. Che necessità c'è di essere suora o religioso per insegnare e lavorare in ospedale? Una persona non si fa religiosa per lavorare ma per consacrarsi e mettersi a disposizione di Cristo alla sua sequela e poi lavorare per la sua gloria . Circa poi il lavoro la domanda è ancora più frequente e se l'è posta anche Papa Benedetto. In un tempo in cui, ormai, lo stato si è assunto l'assistenza dei malati e l'insegnamento delle scuole perchè i religiosi? Risponde Papa Benedetto: per testimoniare come si insegna, come si assistono i malati e come si servono i poveri.
La vita laboriosa dei religiosi riproduce la vita nascosta di Nazareth dove Cristo trascorse i suoi primi trenta anni santificando il lavoro.
Pensiamo oggi alla costellazione di vita evangelica che illumina il mondo e caratterizza la chiesa. Cosa sarebbe la chiesa cattolica senza Francesco d'Assisi, Teresa d'Avila, Ignazio di Lojola, Alfonso Maria de'Liguori, Don Bosco, Madre Teresa , Padre Pio? E quanto sarebbe più povero il mondo senza testimoni di questo genere.
Le vocazioni sono un dono di Dio ed è per questo che dobbiamo chiederle con la preghiera ma anche interrogarci se anche a noi il Signore non ha rivolto una chiamata ad essere suo discepolo. Due sono le componenti della vocazione: Dio che chiama e la risposta libera del chiamato.

Articoli correlati

Tag: vocazione vocazione religiosa

Newsletter

 

Seguici

lamiaVocazione.it
Suore Compassioniste Serve di Maria
Via Appia Nuova 1009
00178 Roma
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mappa